torna indietro
ven 11 feb - lun 14 feb
Oriente Occidente Studio
 

Progetto BUS STOP: First stop

Un percorso. Tre fermate. Tre incontri.
Due viaggi per professionisti.
Un viaggio per tutti.
Una indagine.

Il corpo, il movimento. Da una grammatica a una poetica. Dalla relazione con lo spazio, con il tempo, con il peso alla relazione con l’altro. Dalla stasi alla dinamica. Dall’animale all’uomo.
Alessio Maria Romano propone un laboratorio su tre tappe attraverso le quali intende offrire una visione del proprio lavoro pedagogico sul movimento.
Da un attento lavoro sul corpo, attraverso l’analisi Laban/Bartenieff, il viaggio attraverso questi tre incontri propone una indagine sul proprio movimento, sul desiderio e l’assenza dell’altro, sulla propria idea di danza e sulla relazione fra tutti questi temi.
Le prime due “fermate” sono pensate per dei professionisti mentre l’ultima vuole essere un incontro, uno scambio e forse una trasmissione tra professionisti e non professionisti. Il viaggio può essere intrapreso fino a destinazione o anche fermandosi ad una tappa.
Il resto è scoperta e avventura del viaggio.

A chi si rivolge? 
La prima tappa è aperta a danzatori professionisti e ad allievi di livello avanzato.
Il percorso prevede altre due tappe:

Clicca qui per scoprire la seconda tappa
Clicca qui per scoprire la terza tappa. 


Non è necessario partecipare ad ogni incontro e nessuno degli appuntamenti è propedeutico agli altri.
A conclusione del progetto si svolgerà una prova aperta al pubblico, prevista per lunedì 9 maggio alle ore 18.30 e a seguire piccolo momento di dialogo.



Alessio Maria Romano
Artista che alterna all’attività di attore uno studio costante della danza contemporanea, della pedagogia del movimento e una sua personale ricerca coreografica. Analista del Movimento Laban/Bartenieff (C.M.A.). Docente di training fisico e movimento scenico presso la scuola “L. Ronconi” del Piccolo Teatro di Milano di cui è anche coordinatore didattico. Ha collaborato, per la preparazione fisica degli attori e i movimenti coreografici con i registi, sia in prosa che in lirica, quali Luca Ronconi, Carmelo Rifici, Valter Malosti, Andrea De Rosa, Jacopo Gassmann. Coreografa il Nuovo Balletto di Toscana per l’opera Fernando Cortez con la regia di Cecilia Ligorio al Maggio Fiorentino. Dal 2016 si occupa di sue personali creazioni quali Bye Bye, Dispersi, Chorós e Avida Dollars. È tra i maestri invitati da Antonio Latella al College della Biennale Teatro di Venezia del 2018 e del 2020. Torna in scena come performer nel lavoro L’isola dei Pappagalli con Bonaventura prigioniero degli antropofagi” di S. Tofano per la regia di Antonio Latella. Vince il Premio nazionale della critica (ANCT) 2015 come pedagogo e coreografo teatrale. Riceve il Leone d’argento alla Biennale Teatro 2020.


Prima di iscriverti, consulta la nostra Pagina Sicurezza per essere informato/a di ciò che è necessario per accedere ai nostri spazi e partecipare ai workshop! 


MODALITÀ DI ISCRIZIONE E PAGAMENTO:

Quando:
Da venerdì 11 febbraio 2022 a lunedì 14febbraio 2022 tutti i giorni con orario dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 16.00


Dove: Corso Rosmini 58, Rovereto (TN)

Livello: Intermedio/avanzato

Costo: 
Più balli meno paghi!

200 euro per singolo incontro
320 euro per iscrizione a due tappe
450 euro per iscrizione all’intero percorso


Per l'iscrizione:
Scrivi a gloria.stedile@orienteoccidente.it allegando il tuo curriculum e il modulo d'iscrizione >> clicca qui
Riceverai conferma dopo una decina di giorni e ti spiegheremo come potrai procedere con il pagamento.


Poiché i laboratori verranno avviati da Oriente Occidente Studio previa raggiungimento di un numero minimo di iscritti è fondamentale che le iscrizioni pervengano il prima possibile.

La quota d'iscrizione non sarà rimborsata in nessun caso, se non per motivi di salute o per cancellazione dell’attività dovuta all’andamento della situazione COVID-19.


Nel rispetto delle normative Ministeriali e Provinciali per partecipare alla seguente attività verrà richiesto la certificazione verde, da mostrare all’entrata. Per ulteriori informazioni consultare la nostra pagina sulla sicurezza cliccando qui.



Foto di Andrea Macchia