torna indietro
mer 27 nov
 

ROVERETO CELEBRA LA GIORNATA INTERNAZIONALE DELLE PERSONE CON DISABILITÀ CON LA DANZA E L’ARTE

Al via domani al CID - Centro Internazionale della Danza una quattro giorni di studio e formazione per una danza inclusiva con Stopgap Dance Company, il danzatore non vedente Giuseppe Comuniello e la danzatrice Camilla Guarino. Un laboratorio che si concluderà nelle sale del Mart, dove partecipanti e pubblico si incontreranno in occasione dell’Open Day del museo. A chiudere la giornata, al CID, l’evento “Balla con me!” della Compagnia Abbondanza/Bertoni.

La diversità come motore per la creatività.

Questo alla base del progetto europeo Europe Beyond Access che coinvolge Oriente Occidente Dance Festival e CID - Centro Internazionale della Danza per una sempre maggiore accessibilità della danza e del programma pensato e realizzato da CID e Oriente Occidente, in collaborazione con il Mart e la Compagnia Abbondanza/Bertoni, in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità.

Quattro giorni di laboratorio condotto da Stopgap Dance Company, compagnia britannica di danza inclusiva che torna a Rovereto dopo il grande successo registrato durante la trentanovesima edizione di Oriente Occidente, e dal danzatore non vedente Giuseppe Comuniello e dalla danzatrice Camilla Guarino.

Due danzatrici della compagnia britannica - in tandem con Comuniello e Guarino che guideranno ogni mattina il warm up dei partecipanti - condurranno infatti un workshop di danza aperto a persone abili e con disabilità, danzatori e danzatrici, attori, attrici e chiunque, pur con un po’ di esperienza di movimento, abbia voglia di sperimentare la consapevolezza del proprio corpo. A partire da domani, giovedì 28 novembre, e fino a sabato 30 novembre, il workshop sarà al CID, mentre domenica 1 dicembre - giornata in cui è in calendario l’Open Day del Mart con una ricca programmazione di eventi -  dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16, l’attività sarà all’interno delle sale espositive del museo, per un momento di condivisione di pratiche tra le opere d’arte a cui il pubblico e i visitatori potranno assistere. In particolare, alle ore 11.30 è in programma un momento di dialogo tra il pubblico, i danzatori e i partecipanti al laboratorio. Il talk sarà tradotto in LIS (Lingua dei segni italiana) grazie alla collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi del Trentino.

Una proposta che il CID - Centro Internazionale della Danza e il Mart - Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto hanno fortemente voluto per sostenere la partecipazione culturale delle persone con disabilità, abbattere l’isolamento, creare una comunità sempre più aperta e rispettosa delle differenze, proponendo la diversità come un modo per sfidare la creatività e la produzione artistica.

A concludere la giornata ci penserà la Compagnia Abbondanza/Bertoni con Balla con me!, un evento aperto a tutti gli amanti del ballo di qualsiasi genere, ai professionisti e agli amatori di ogni età. L’invito, ispirato a quello che la famosa coreografa Pina Bausch ripeteva negli anni ‘80 con il suo Komm tanz mit mir, è di scatenarsi, lasciandosi trasportare dai danzatori della compagnia che daranno il via alle danze.

 
Stopgap Dance Company

Compagnia britannica guidata da Lucy Bennett, Stopgap Dance Company dichiara i propri intenti nel nome: stop gap, ovvero senza differenze, senza divisioni. Integrando artisti disabili e non disabili, Stopgap si impegna in produzioni in cui l’interdipendenza, la forza e la vulnerabilità umane si intrecciano con il realismo poetico. “Lavorare insieme attraverso una danza integrata - spiega Lucy Bennett - significa scoprire nuovi vocaboli di danza. Usiamo le nostre diverse fisicità, esperienze e modalità di apprendimento per trovare strade alternative di espressione e movimento, consapevoli che le differenze sono i nostri mezzi e il nostro metodo".


Giuseppe Comuniello

Danzatore e docente non vedente, inizia il suo percorso nella danza nel 2009 con il coreografo Virgilio Sieni, con il quale collabora ancora oggi. Ha lavorato inoltre per coreografi nazionali e internazionali come Alessandro Schiattarella, Emanuel Gat, Emanuel Rosenberg e Michela Lucenti/Balletto Civile. Contemporaneamente comincia un percorso sulla trasmissione del movimento attraverso la contact improvisation, tenendo laboratori sul movimento aperti a tutti in collaborazione con l’associazione MUVet di Bologna, la compagnia Teatro Danzabile di Lugano, la Galleria degli Uffizi e con il Sert di Firenze per il recupero delle tossicodipendenze. Dal 2016 collabora con il Festival Oriente Occidente per il network internazionale sulla danza accessibile. I suoi ultimi lavori sono Danza cieca, creato e interpretato insieme a Virgilio Sieni per Matera Capitale Europea della Cultura 2019 e Lonely Planet, il primo studio di un lavoro di ricerca sulla percezione debuttato con il sostegno del Teatro Comunale di Ferrara all'interno della rassegna “La società a teatro”.


Camilla Guarino

Danzatrice, si avvicina alla danza classica e contemporanea fin da piccola, per poi integrare i suoi studi con laboratori teatrali e coreografici tenuti da Claudia Castellucci, Jacopo Jenna, Teatro Valdoca, Muta Imago e Armando Punzo e avvicinandosi nel 2015 al coreografo Virgilio Sieni. Laureata con una tesi magistrale sui Dieci anni di Accademia sull’arte del gesto di Virgilio Sieni, è coinvolta come interprete e stagista nel lavoro dell’artista. Nel 2015 collabora con la Biennale Danza di Venezia e nel 2018 vi partecipa con il progetto Biennale College ASAC seguito da Elisa Vaccarino. Fa parte dell’associazione BlaubArt – dance webzine, che si occupa di danza nel territorio bolognese e tiene corsi di teatro presso le scuole dell’infanzie e primarie. Attualmente frequenta il Master in drammaturgia presso l’Accademia d’arte Drammatica Silvio d’Amico e insieme al danzatore non vedente Giuseppe Comuniello sta lavorando al primo studio del lavoro di ricerca Loney Planet.