torna indietro
gio 31 ott
 

C’EST PAS GRAVE | L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DELL’ESSERE

Si alternano le residenze artistiche al CID – Centro Internazionale della Danza di Rovereto per Passo Nord, il Centro di residenze artistiche del Trentino Alto Adige / Suedtirol. Nelle ultime due settimane nelle sale del CID ci sono stati Francesco Colaleo e Maxime Freixas, che incontrano il pubblico martedì 5 novembre alle 18.30 per condividere il loro lavoro e rispondere alle curiosità del pubblico. L’ingresso è libero e gratuito.

Non è grave, a tutto c’è rimedio. C’est Pas Grave (dal francese, non è grave) è un motto molto usato Oltralpe consolante e rivelatore che invita a non lasciarsi sopraffare dal peso delle difficoltà, siano esse quelle del corpo pesante o dello spirito ferito.

Questo è ciò che ispira il progetto firmato da CIE MF – il duo italo - francese composto da Francesco Colaleo e Maxime Freixas – che verrà presentato al pubblico in una prova aperta il prossimo martedì 5 novembre alle ore 18.30 negli spazi del CID, in corso Rosmini 58.

Il progetto C’est Pas Grave è una ricerca del movimento sul significato ambivalente della gravità, materica e simbolica, che pervade la nostra vita in ogni momento. Nasce dal desiderio di relativizzare l’impatto che gli eventi hanno sulla vita, disegnando alcuni possibili panorami fisici che coinvolgano il pubblico in un processo empatico ed emotivo. Ciò che è positivo è lieve e ciò che è negativo è grave: una nuova nascita o una silenziosa morte, una vittoria attesa o una improvvisa disfatta, un grandissimo amore o una violenta separazione possono destabilizzare improvvisamente gli equilibri su cui si basa la percezione intera di noi, tra leggerezza e pesantezza.

La scrittura coreografica di Colaleo e Freixas è ironica e leggera, semplifica l’incontro senza minimizzarne l’impatto. I corpi sono in contatto tra di loro, tra prese acrobatiche che raccontano il rischio – ma anche il coraggio e la responsabilità – di affidarsi all’altro.

CIE MF ha trascorso al CID di Rovereto più di due settimane di residenza artistica, un periodo di studio, approfondimento e lavoro. Ma anche di relazione con la città, con il territorio, con le diverse realtà partner di Passo Nord. Durante questo periodo di residenza, gli artisti hanno infatti condotto un laboratorio al quale hanno partecipato oltre 20 danzatori, tra i quali gli allievi del Liceo Coreutico di Trento con il quale il CID – Centro Internazionale della Danza ha attivato una collaborazione. Infine, il lavoro di Francesco Colaleo e Maxime Freixas per alcuni giorni è stato ospitato al Teatro alla Cartiera, spazio della compagnia Abbondanza / Bertoni, uno dei partner di Passo Nord insieme a Centrale Fies e Cooperativa teatrale Prometeo.

Lo sharing di C’est pas grave si concluderà con un piccolo aperitivo durante il quale gli artisti risponderanno alle domande degli spettatori più curiosi.