torna indietro
ven 10 set
Mart, Sala Conferenze
17.30
 
Giorgio Cuscito
 

L’Italia nella partita tra Usa e Cina per le supply chain

Gratuito
È richiesta prenotazione



Modera Danilo Elia

Stati Uniti e Cina si contendono il dominio delle filiere produttive globali. L’Impero del Centro traina la lavorazione delle terre rare e ambisce ad acquisire l’autosufficienza tecnologica. Eppure nel campo dei semiconduttori dipende ancora dalle conoscenze della superpotenza a stelle e strisce e della Corea del Sud. Snodo chiave della partita è Taiwan, che rappresenta il 50% del mercato mondiale dei microchip ed è posta geopolitica tra le prime due potenze al mondo.
La partita coinvolge anche l’Italia: la manifattura nostrana è fortemente legata a quella della Germania, mentre l’expertise tecnologica italiana è ambita dalla Cina. Di qui la necessità di analizzare le conseguenze geopolitiche delle rivalità sino-statunitense, il rischio di un “disaccoppiamento” tra le filiere produttive delle due potenze e le conseguenze per l’Europa e il nostro paese.


Giorgio Cuscito è consigliere redazionale di Limes, rivista italiana di geopolitica. Analista, studioso di geopolitica della Cina e dell’Indo-Pacifico. Curatore del Bollettino Imperiale, osservatorio di Limes su geopolitica cinese, Belt and Road Initiative (BRI) e Indo-Pacifico. Collaboratore di MacroGeo, Aspenia, RIE Energia, Treccani.


LINGUAGGI

IN MOVIMENTO: politiche, identità, culture

La parola “viaggio” ha tante facce quante il bisogno umano di essere altro da sé. Esplorazione, turismo, pendolarismo, migrazioni forzate, temporanee, cicliche o di ritorno. Forme di mobilità diverse continua...