torna indietro
sab 12 set
Sala Conferenze - MART, Rovereto
11.00
 
Barbara Serra
 

Presentazione e proiezione del documentario Fascism in the Family

Gratuito.
È richiesta prenotazione.


La parola Fascismo si sente spesso di questi tempi, sia in Italia che all’estero dove, in inglese, viene spesso usata come termine generico per definire i vari movimenti nazionalisti in salita attorno al mondo. Stiamo veramente assistendo ad un riemergere di forme di fascismo? E come spiegare la relazione che l’Italia ha con il suo passato fascista ad un pubblico generalista internazionale?
Una delle poche giornaliste italiane che lavora nei i grandi media internazionali, Barbara Serra, lo fa nel suo nuovo documentario ‘Fascism in the Family’ dove esamina la storia di suo nonno, podestà di Carbonia, città di fondazione mineraria sarda, per esplorare cosa volesse dire vivere sotto il regime fascista di Benito Mussolini, e se l’ideologia fascista ha un impatto sui movimenti nazionalisti che vediamo al giorno d’oggi.
Con testimonianze dalla senatrice Liliana Segre, Matteo Salvini, Gad Lerner e Antonio Scurati fra altri, Fascism in the Family unisce studio storico, analisi politica e storia personale in un ritratto unico dell’Italia, diretto ad un pubblico internazionale ma rimanendo sempre fedele alla identità italiana di Barbara Serra.


Barbara Serra è nata a Milano e cresciuta a Copenaghen, Barbara Serra si trasferisce a Londra nel 1993. Si laurea in Relazioni Internazionali alla London School of Economics e consegue un master in Giornalismo alla City University. Parla italiano, inglese, danese e francese. La sua carriera inizia nel 2000 alla BBC, nel 2003 lavora per Sky News per passare poi a Channel 5. Nel 2006 inizia la sua collaborazione con Al Jazeera English, come conduttrice e come corrispondente, realizzando importanti inchieste da Israele, dalla Striscia di Gaza, dalla Cisgiordania, da Washington. È vincitrice di numerosi riconoscimenti letterari e giornalistici, tra cui il Premio Caccuri e il Premio Com&te. È inoltre la seconda donna - dopo il premio Nobel Rita Levi Montalcini - ad aver conseguito il prestigioso Premio 12 Apostoli.